Un quadro in continua evoluzione quello che si presenta ormai alle porte del nuovo anno e non vi è dubbio che chiarezza dovrà essere fatta entro le prossime settimane. E’ confermata la riduzione dell’aliquota al 90% a partire da gennaio 2023 sulla realizzazione di un impianto fotovoltaico.  

I termini di legge per presentare al Comune la Cila sono scaduti lo scorso 25 novembre: soltanto chi è riuscito a caricare sui siti tutti i documenti avrà la possibilità di ottenere il maxisconto. 

Ma sul Superbonus 110% la partita potrebbe non essere ancora chiusa. 

Non sono escluse, infatti, nuove modifiche: il governo potrebbe estendere il termine per la comunicazione di inizio lavori asseverata (Cila) fino a fine anno, dal momento che la scadenza del 25 novembre ha mandato in tilt i siti web delle amministrazioni comunali. 

Esponenti della maggioranza hanno anticipato anche novità sulla cessione del credito.

#SUPERBONUS: arriveranno risposte positive per #cilas e #cessionecredito…“. 

Andrea De Bertoldi, parlamentare di Fratelli d’Italia, in uno dei suoi profili social.

Oltre alla discesa dell’aliquota, da gennaio si ridurrà la platea di beneficiari: potranno accedervi soltanto i condomini, oppure i proprietari di villette che hanno un Isee sotto i 15 mila euro.

In attesa di prossimi sviluppi, un documento Ance fa il punto sulle novità introdotte dal Decreto Legge 176/2022 (Decreto Aiuti-quater). 

superbonus nel 2023
quali sono gli incentivi fotovoltaico nel 2023

INCENTIVI IMPIANTO FOTOVOLTAICO 2023: SUPERBONUS 90%


CONDOMINI, “MINI CONDOMINI”, ONLUS E APS:

Il 110% si applica solo fino al 31 dicembre 2022, mentre per il 2023 la percentuale scende al 

90%, salvo che:

  • alla data del 25 novembre 2022 risulti presentata la CILAS;
  • la delibera assembleare di approvazione dei lavori risulti adottata in data antecedente al 25 novembre 2022, cioè entro il 24 novembre 2022.

110% confermato nel 2023 in caso di interventi di demolizione e ricostruzione, qualora, al 25 novembre 2022, risulti presentata l’istanza per l’acquisizione del titolo abilitativo.

Resta fermo l’attuale decalage al 70% per le spese sostenute nel 2024 e al 65% per le spese sostenute nel 2025.

UNIFAMILIARI E UNITÀ INDIPENDENTI IN EDIFICI PLURIFAMILIARI:

  • Prevista la proroga del 110% fino al 31 marzo 2023, anziché fino al 31 dicembre 2022, sempre a condizione che al 30 settembre 2022 sia stato realizzato il 30% dei lavori;
  • Bonus al 90% per interventi avviati dal 1° gennaio 2023 e per le spese sostenute sino al 31 dicembre 2023, a condizione che i lavori siano realizzati sulle “abitazioni principali” e solo per i soggetti con reddito sino a 15mila euro, calcolato come “quoziente familiare” in base criteri fissati dallo stesso DL e solo se proprietari, o titolari di altro diritto reale, sull’abitazione stessa.

ONLUS, ODV E APS CON ATTIVITÀ SOCIO-SANITARIA

In questo caso, l’aliquota del 110% è riconosciuta per le spese sostenute entro il 31 dicembre 2025 a condizione che:

  • gli immobili in possesso dei beneficiari rientrino nelle categorie B/1 (collegi e convitti, educandati, ricoveri, orfanotrofi, ospizi, conventi, seminari e caserme), B/2 (case di cura ed ospedali senza fine di lucro), D/4 (case di cura ed ospedali con fine di lucro);
  • i membri del Consiglio di Amministrazione non percepiscano alcun compenso o indennità di carica.

Resta invariato il criterio di calcolo del limite di spesa per le unità immobiliari, che va moltiplicato per il rapporto tra la superficie complessiva dell’immobile e la superficie media di un’unità abitativa, come ricavabile dal Rapporto Immobiliare pubblicato dall’Osservatorio del Mercato Immobiliare dell’Agenzia delle Entrate.

IACP E COOPERATIVE A PROPRIETÀ INDIVISA

Nel caso di IACP (o Enti Assimilati) e Cooperative a proprietà indivisa si confermano le scadenze già previste: ok al 110% fino al 30 giugno 2023, con possibilità di arrivare sino al 31 dicembre 2023, a condizione che al 30 giugno 2023 sia stato eseguito almeno il 60% dell’intervento.

INTERVENTI SUPERBONUS IN TERRITORI COLPITI DAL SISMA

Nessuna modifica nemmeno per gli immobili rientranti nei territori colpiti da eventi sismici: in questo caso il 110% è confermato per le spese sostenute fino al 31 dicembre 2025.

CONTRIBUTO PER SOGGETTI A BASSO REDDITO 

Con il Decreto Legge n. 176/2022 si configura una nuova categoria di soggetti a cui spetta il Superbonus:

  • è stato infatti stanziato un fondo di 20 milioni di euro a sostegno della spesa per interventi Superbonus sostenuti dai contribuenti con reddito non superiore a 15.000 euro (limite calcolato secondo i criteri individuati dallo stesso Aiuti-quater). 

I criteri e modalità di erogazione verranno stabiliti con decreto del MEF, da adottare entro 60 giorni dall’entrata in vigore del D.L. n. 176/2022. Tale contributo sarà esente dalle imposte sui redditi.

CESSIONE DEL CREDITO

Sul fronte della cessione del credito, poche novità: 

  • i crediti derivanti dalle comunicazioni di cessione o di sconto in fattura inviate all’Agenzia delle Entrate entro il 31 ottobre 2022, e non ancora utilizzati, potranno essere fruiti, anziché in 5 o 4 rate annuali, in 10 rate annuali di pari importo, previo invio di una comunicazione all’Agenzia delle Entrate da parte del fornitore o del cessionario. 

Si attende a breve un provvedimento del Fisco recante le modalità operative.

SCADENZE E CRITICITÀ

In tema di installazione di impianti FV connessi alla rete elettrica su edifici, come interventi trainati, la normativa fa sempre riferimento alle “spese sostenute” in un determinato anno; inoltre, la maxi detrazione è subordinata alla cessione al Gse dell’energia elettrica non auto-consumata, con un contratto di ritiro dedicato.

Il problema è dato dalle tempistiche, spesso molto lunghe, per gli allacci degli impianti e la sottoscrizione dei contratti con il Gse, al fine di presentare poi le pratiche all’Enea.

Il rischio è che si perda il diritto al Superbonus a causa dei ritardi imputabili ai distributori di energia elettrica e al Gse nel gestire le rispettive incombenze (allaccio impianti, stipula dei contratti).

INCENTIVI 2023: SUPERBONUS 90% puoi ottenerlo?

PER IL TUO IMPIANTO FOTOVOLTAICO: ricevi un’offerta personalizzata in tempi rapidissimi, senza nessun impegno. Solarplay ti offre installazioni chiavi in mano con le migliori soluzioni previste dal mercato. 

Chiama al 800588644 o scrivi a info@solarplay.it.

Richiedi una consulenza gratuita per il tuo impianto fotovoltaico

YouTube
LinkedIn
LinkedIn
Share
Instagram